Aperta la porta per infinite applicazioni mediche.

Un gruppo di scienziati dell’Università di Limerick, che è da sempre alla ricerca di nuovi metodi per creare energia pulita, ha finalmente scoperto che si può ricavare elettricità dalle lacrime. 

Questo è possibile grazie al lisozima, un enzima presente in tessuti e liquidi animali come nella saliva e appunto nelle lacrime. Il lisozima sottoposto a pressione converte l’energia meccanica in elettricità, sfruttando lo stesso processo utilizzato precedentemente per il quarzo. Grazie a questa proteina sarà possibile creare batterie sottilissime che potranno essere utilizzate per creare dispositivi medici biocompatibili o protesi elettroniche che avranno come rivestimento uno strato di batteria. Insomma le applicazioni sono infinite.

Una vita di tragedie dalla quale è uscita sempre illesa.

Il mago di Wall Street, viaggiatore temporale o bufala?

Il Tempio di Kukulkan nasconde ancora molti misteri.

Il fisico ha illustrato le sue paure sul futuro.

Potremo controllare smartphone e pc con i tatuaggi

La sindrome degli antenati è ormai una teoria provata.

Rimasto chiuso per 68 anni, nascondeva meraviglie.

Misteri che dopo tanti anni nessuno ha mai spiegato.

Un problema per la salute ma anche per l’ambiente.

Pagina 1 di 9

Ultimi articoli

  • 1